lunedì 30 giugno 2014

Scatole impolverate - I nostri bambini - 40

Al Camping Natura ci si diverte, ci si diverte e ci si diverte!
Lavorare con i bambini ci fa dimenticare la fatica, lo stress e la grande responsabilità che questo lavoro comporta. Per dieci ore al giorno genitori che ancora non conosciamo ci affidano il loro bene più grande, ci lasciano con un sorriso fiducioso i loro bimbi. 
Da noi ci sono poche regole che vanno rispettate. I nostri piccoli ospiti non possono portare con sé denaro, giocattoli o telefonini e devono almeno assaggiare il cibo che gli serviamo prima di dire:"non mi piace".
Pretendiamo anche la buona educazione ed il massimo rispetto per chi lavora per loro.
Nei tre anni di attività, il Camping Natura cresce in modo esponenziale, i ragazzi ed i loro genitori diventano parte di una grandissima e felice famiglia.
Io e Claudio siamo sempre presenti all'arrivo ed alla partenza dei bambini, vogliamo che le famiglie li affidino direttamente a noi e siamo sempre noi che la sera li riconsegnamo ai familiari.
In brevissimo tempo si instaura un clima di fiducia e di grande cooperazione fra noi, le famiglie e gli animatori.
Marzia coadiuvata da Enrico ed altre tre ragazze gestisce il primo ed il secondo anno, poi  ha un importante incarico con la provincia di Venezia e deve lasciarci, non prima di aver preparato i nuovi animatori.
La piscina più grande.

Partita di calcio saponato.

Un momento di relax in compagnia di Camilla

Estate 2003, i meravigliosi sette, a cui tanto dobbiamo! Sono da sin. dietro: Valentina, le impagabili Elena e Sara, simpaticissime, il mitico Michele amatissimo dai maschietti e Giovanni. Sotto da sin. Raffaella, dolcissima ed inesauribile, ed Elisabetta.

La prima colazione dei bambini che pernottano una settimana in campeggio! Dormono in tenda o in roulotte con gli animatori che naturalmente alloggiano vicino a loro e non si contano i giochi e gli scherzi anche notturni!
La mattina al loro risveglio trovano la prima colazione in sala spuntini che  preparo per loro.
Alle 8.00 arrivano tutti gli altri e cominciano le varie attività.

Preparativi in tenda

Un gruppo di piccoli ospiti ascolta gli amici che cantano....

Ecco le cantanti in erba che si cimentano per il loro pubblico!

Una foto del primo anno, c'è anche Marzia alla finestra.....nel mio laboratorio i bambini si preparano la frutta per farsi la marmellata.

E qui stanno mettendo a seccare qualcosa al sole....pomodori? Melanzane? Non ricordo....

I bambini adorano gli animali e tramite Silvio che ormai lavora a Mestre dal suo mentore e amico Antonio, troviamo un maestro di equitazione che viene da noi a far lezione col cavallo di Silvio, Top.
E dopo la teoria si passa alla pratica.

Enrico riesce a convincere Paci Gallo, il suo maestro, a venire a dare lezioni di karate da noi e sono molti i bambini che si iscrivono al suo corso con grande entusiasmo.
Non può mancare ovviamente il corso di nuoto.

Anche i miei corsi di cucina hanno un discreto successo ed ai ragazzi viene insegnato a fare la marmellata e la salsa di pomodoro che poi cuciniamo e invasiamo per loro. Claudio prepara le etichette personalizzate ed ogni bambino porta a casa il suo vasetto con la salsa o la marmellata fatta da sé col suo nome stampato sopra. Per loro è un piccolo trofeo!

I due più piccolini si divertono come matti a mescolare la frutta allo zucchero!

Ogni tanto organizziamo un picnic nel frutteto ed in queste occasioni arriva la pizza per tutti, i bimbi la adorano!

Il gruppo dei piccoli rangers. Loro hanno il compito di andare a curare i piccoli amici pelosi, portano da mangiare ai porcellini d'india, ai coniglietti nani e alla furetta che d'estate si trasferisce in un bellissimo recinto all'aperto, con un labirinto di giochi e di altalene,  che lei apprezza molto di più della sua gabbia abituale in camera di Enrico!
I piccoli rangers sono anche tenuti ad andare in pollaio a raccogliere le uova tutte le mattine......è un vero spettacolo vederli rientrare, col cestino per le uova che gronda albumi e tuorli.....piano piano imparano a trattare le uova con più attenzione.

Raffaella è impegnata con le bambine a preparare i costumi e le coreografie per qualche recita.

E qui Sara ed Elena lavorano per costruire scenari meravigliosi per le recite dei ragazzi.

Quando Silvio è a casa lavora con noi, insegna ai ragazzi la cura del cavallo, e tutti a turno, lo lavano, lo spazzolano e lo asciugano. Qui è con Federica.

Uno degli spettacolini per i genitori il primo anno. Negli anni successivi prepariamo un vero e proprio palco all'aperto per il gran numero di bambini iscritti da noi (100).

Può sembrare una semplice raccolta di foto, ma garantisco che non è così, noi con queste creature condividiamo un sacco di momenti impagabili. Gli abbracci all'arrivo di buon mattino, ancora con gli occhietti gonfi di sonno ma desiderosi di arrivare ai Sili Blu il prima possibile, le carezze ed i bacini che ci regalano ogni volta che facciamo un giretto in mezzo a loro, la gara per chi si siede vicino a me e a Claudio all'ora di pranzo, le piccole gelosie fra le "streghette" di mio marito, i pasti consumati con uno se non due bambini in braccio, i capricci delle 18.00 per non andare a casa, i ringraziamenti quotidiani di mamme, papà e nonni che non hanno mai visto così felici i loro bambini, i regalini inaspettati, i regali dai genitori, gli abbracci con i nostri animatori e animatrici che passano parte delle notti a programmare il lavoro del giorno dopo, ore che non gli saranno mai retribuite e a loro non importa perché lavorano col cuore e in noi hanno trovato una famiglia, gli sfoghi raccontati in sussurri di una o dell'altra per piccole incomprensioni, gli spaventi che ogni tanto prendiamo coi bambini, la piccola ospite con il diabete che nessuna colonia voleva e che da noi è stata un incanto perché la nostra Sara se l'era presa sotto la sua ala protettrice e le misurava la glicemia quando ce n'era bisogno, il bambino autistico che da noi in mezzo alla natura riusciva ad interagire con gli altri bambini, i pianti di fine stagione nel dover salutare i nostri bambini ed i loro genitori e rendersi conto che cento bambini vivevano per tre mesi interi a casa nostra, immersi nel nostro amore.
Tutto questo e molto ancora non lascerà mai il nostro cuore e questi ricordi saranno sempre in un angolo speciale della nostra memoria.

5 commenti:

  1. Bellissimo! Mi ripeto ma ...SIETE GRANDI!

    RispondiElimina
  2. Cara Giancarla, che belli questi ricordi, veramente. Mettono tanta nostalgia. Ti abbraccio forte. Buona settimana cara Giancarla. Ciao. NI

    RispondiElimina
  3. una bella avventura con tanta responsabilitaì, ma contraccambiata da tanto amore

    RispondiElimina
  4. Ciao Giancarla, questo post, forse più di tutti gli altri, trasuda Amore.
    L'ho proprio sentito vivo e palpabile, come qualcosa di concreto e immenso.
    Avete regalato tanto ma ricevuto - credo - altrettanto.
    Grazie ancora per regalarci tutta la tua vita.

    RispondiElimina
  5. L'ho già detto forse, ma quanto grande è il tuo cuore? E con te quello dei tuoi. Avete realizzato il paese dei sogni, calandolo nella realtà. Solo a voi poteva riuscire!!

    RispondiElimina