venerdì 7 febbraio 2014

17 settembre 1972, un matrimonio...........7ma parte

Decidiamo di sposarci, dopo aver parlato con le nostre famiglie.......
Mettiamola così, non tutti erano felici, tanto meno d'accordo sulla nostra decisione e semmai avessi avuto dei dubbi sull'amore di Claudio, la sua fermezza in quel momento e la sua assoluta convinzione, mi mettono tranquilla.
Ogni ragazza, lo ammetta o no, sogna il giorno del suo "Sì", il vestito bianco, i fiori e la musica in chiesa, una bella festa con parenti ed amici felici e contenti!
Quando Claudio ed io ripensiamo al giorno del nostro "Sì", ridendo ci diciamo che è stato in assoluto il peggior matrimonio a cui abbiamo partecipato!
Sono passati più di 41 anni, ma l'amaro rimane, che peccato.
Questo è il motivo per cui decido di pubblicare solo queste foto



Col mio dolcissimo papà

Ed ecco il passaggio di consegne!

Ce l'abbiamo fatta......

Ancora oggi penso alla delicatezza ed all'amore con cui i miei genitori mi hanno accompagnata fino a quel 17 settembre 1972 (dopo i primi giorni dalla notizia che li aveva lasciati scioccati e disperati.....) alla comprensione di mio fratello Lorenzo e di mia nonna, che non mi hanno mai giudicata e che mi coccolavano e consolavano nei momenti più duri, alle notti che passavo nel lettone con la mamma quando papà andava in panificio, e naturalmente alla presenza costante di Claudio.
La mia prima notte di nozze la passo piangendo tra le braccia di un pover'uomo che non sa più come consolarmi, vuoi per lo stress, vuoi per il dispiacere, fatto sta che ho un bel crollo nervoso.
Sono al sesto mese di gravidanza e la mattina seguente parto per il viaggio di nozze con un abitino premamam. La pancia era sbocciata improvvisamente fuori dalla chiesa!
Ce ne partiamo in Prinz verde per Genova, dove vivono ancora i miei nonni e gli zii. Questi ultimi ci offrono la loro casa per una settimana.
Credo che abbiamo forse goduto di un paio di giorni tranquilli perchè io sto male, faccio così conoscenza con la gastrite che non mi lascerà per qualche anno......Claudio mi porta da un ginecologo in centro e così spende quasi tutto quello che avevamo per la nostra vacanza! Diventa bravissimo a farmi il brodo vegetale e mi fa sentire una regina portandomi da mangiare a letto e consolandomi con amore.
Torniamo quindi a Treviso prima del previsto e mi ritrovo a dare un altro dispiacere ai miei quando gli dico che dobbiamo andare a vivere dai miei suoceri. Mamma e papà ci avevano preparato una bella camera.....

5 commenti:

  1. Cara Giancarla, quanta tenerezza e amore in queste belle foto!!! Congratulazioni un post bellissimo.
    Tomaso

    RispondiElimina
  2. L'AMORE VERO è fatto anche di momenti particolari ma i suoi frutti sono sempre Dolcissimi.
    Un bacio!!!

    RispondiElimina
  3. Un racconto dolcissimo con foto di una tenerezza unica. Un grande abbraccio. Donatella

    RispondiElimina
  4. stai così bene con quell'abito a fiori e si vede tanta tenerezza ed amore, fatto e' che siete ancora insieme dopo 41 anni.
    auguri

    RispondiElimina
  5. Il tuo racconto, scritto con tanta semplicità è quasi commovente. Però sarai stata triste, ma eri bellissima!

    RispondiElimina