lunedì 27 maggio 2013

Malta, la mia nuova casa, Cap. V - St. Julian e Sliema

Rieccoci qui, pronti a riprendere la nostra gita in giro per l'isola.....dopo un lungo silenzio dovuto ai miei problemi di salute (in buona parte risolti grazie al clima ed agli antinfiammatori!!!). Spero vorrete perdonarmi...
Avevamo visitato la vecchia capitale Mdnina, un'oasi di pace, oggi invece vi accompagno a fare una lunghissima passeggiata sul lungomare, partendo da St.Julian.
St. Julian's è una città situata lungo la costa, a nord della capitale Valletta, conosciuta per il turismo 

basato su locali notturni e ristoranti accentrati nell'area detta Paceville (centro nevralgico della vita notturna, soprattutto giovanile).
E' collegata a Sliema da una lunghissima "passeggiata" sul lungomare, che prosegue addirittura fino a Valletta! Qui chi vuole camminare non ha che l'imbarazzo della scelta!
Sliema è una città che si è sviluppata agli inizi del XX secolo, come luogo di villeggiatura per le famiglie più abbienti della capitale.
Ora ospita alberghi, ristoranti, bar, negozi e tutto quanto si può desiderare.
Dove praticamente comincia la passeggiata.......

Mi rendo conto che non è facile seguirmi....ma sto continuando a camminare......il mare è alla mia destra!


Già in prossimità di Sliema, ma non c'è una reale divisione, lo capiamo dal cartello stradale! E intanto ci si gode la vista!!!

Questa è una foto scattata lo scorso anno, in verità tutte le foto pubblicate sono raccolte nelle varie visite che abbiamo fatto a Malta....!
In versione notturna, straordinaria la notte in questo lungomare, ve lo garantisco!
C'è un po' di mare!!! Niente bagno qui!
I prezzi degli appartamenti in questa zona sono abbastanza proibitivi, ma immaginate di svegliarvi tutte le mattine e vedere gli scogli ed il mare sotto casa.....e naturalmente, attraversando la strada, ci si va a fare pure il bagno!

La grande torre che spicca sul fondo è Portomaso, vi ci porto un'altra volta magari, perchè me ne sono dimenticata! La verità è che si trova prima di St. Julian, la cosa più furba sarebbe stata partire da lì, ma non vi preoccupate, tornerò per farvi conoscere quel posticino prezioso!
Ad ogni modo lì c'è l'Hilton ed il Casinò dell'albergo, più un sacco di negozi extra lusso!

Vi lascio anche per oggi, non posso affaticare il braccio purtroppo!
Spero abbiate voglia di seguirmi ancora nel mio girovagare..........
Un grande abbraccio a tutte!










martedì 14 maggio 2013

Malta, la mia nuova casa, Cap. IV - Mdina

Vi avevamo lasciati a Valletta la capitale.
Oggi, come promesso, vi accompagniamo a vedere la vecchia capitale: Mdina.
Quando si arriva, dopo una mezz'ora di tragitto da La Valletta, la prima cosa che colpisce è la tranquillità. Per questo Mdina, antica capitale di Malta, è meglio conosciuta come “la città silenziosa”. A renderla affascinante, la posizione: con i suoi 190 metri di altezza sul livello del mare è un punto privilegiato per osservare dall’alto l’intera isola e, in particolare, Rabat, il quartiere abitato all’esterno delle mura. Mdina, un tempo, era la residenza delle famiglie nobili più importanti di Malta, feudatari siciliani e spagnoli che, a partire dal XII secolo, avevano trovato nell’isola una piacevole e tranquilla dimora. A dimostrarlo gli imponenti palazzi in stile normanno e barocco che segnano il suo profilo, insieme ai tanti balconi chiusi in stile arabeggiante dai quali - si dice - le signore osservassero la vita sulla strada senza essere viste dai passanti.
Perché Medina si animi, bisogna andarci in primavera, quando dame e cavalieri, giullari e alchimisti danno vita al celebre Festival Medievale, tradizionale appuntamento per locali e stranieri. In quel periodo, il fascino di Mdina diventa ancor più evidente.
Veduta di Mdina
La porta della città
L'esterno delle mura appena restaurato
All'interno della porta
Il Museo di Storia Naturale

Vari scorci della città







La festa Medievale








 Carissime amiche, amici, gli ultimi due post sono stati scritti da Claudio perchè il dolore che mi blocca quasi la spalla non mi consente di usare a lungo i tasti e per niente il mouse! Perdonatemi quindi se non mi dilungo, spero abbiate comunque gradito la passeggiata a Mdina!
Domani mattina ripartiamo per Malta, dove avrò modo di conoscere il sistema sanitario maltese, dato che dovrò fare qualche accertamento....
Vi saluto con un abbraccio ed un bacio grande!
Alla prossima
Giancarla e Claudio



giovedì 9 maggio 2013

Malta, la mia nuova casa Cap. III - Valletta

Vi avevo lasciato alle porte di Valletta, la capitale di Malta.
La città fu fondata nel 1566 dal Gran Maestro dei Cavalieri Ospitalieri Jean de la Valette da cui prese il nome. 
Questo vi può già dare un'idea di quale patrimonio storico culturale si possa trovare visitandola!
Avete voglia di camminare con me lungo le strade di Valletta? Bene, partiamo allora.....
Eccoci qua, davanti alla fontana all'ingresso della città per la classica foto che fanno tutti i turisti che arrivano via terra nella capitale.

Entriamo. Viale della Repubblica, in ogni giorno dell'anno è affollato come potete vedere qui.
Zona pedonale con negozi di ogni tipo, bar, caffè all'aperto, Uffici Governativi e...chiese (tante chiese a Malta!!!)

Una chiesa che si deve assolutamente visitare è la Co-cattedrale di  San Giovanni.
venne costruita per volere dei Cavalieri Ospitalieri appena dopo il loro insediamento a Malta; realizzata da Girolamo Cassaro in pochi anni (1573-1577) grazie ai fondi resi disponibili, venne poi eletta a concattedrale assieme a quella di San Paolo a Medina. In seguito la cattedrale subì varie aggiunte: la sagrestia, l'oratorio e la loggia.
L'altare Maggiore
L'organo a canne
Il soffitto "a botte"
Non conosco l'autore, ma questa scultura ci ha colpito molto per il suo realismo (quel seno sembra vero e lo sguardo è quello di una mamma)
La Decollazione di san Giovanni Battista è un dipinto di Caravaggio realizzato in olio su tela (361 x 520 cm) nel 1608. Grazie a questa opera Caravaggio ottenne l'onore della Croce di Malta. Quest'opera è conservata nell'Oratorio della chiesa.
La vista di questo dipinto vale da sola la visita!
In netto contrasto con l'opulenza interna, la semplicità architettonica esterna, tipica di quasi tutte le chiese di Malta
Uno dei palazzi nella strada parallela a Viale della Repubblica.
Strada di Valletta con tipici "bovindi"
Come sopra
Il tribunale che è di fronte all'ingresso laterale della Concattedrale
L'ingresso del Palazzo Presidenziale.
Originariamente era il Palazzo del Gran Maestro
Interno del Palazzo Presidenziale (da visitare assolutamente!)
Upper Barakka Gardens.
Ora giardini pubblici, in origine alloggi per le truppe e posti di vedetta.
Lower Barakka Gardens.
Più o meno...come sopra.
Bella immagine di Valletta dal mare
La nostra visita volge al termine, vi lasciamo con la vista del Valletta waterfront, che ci ospita in uno dei suoi numerosi ristorantini per rifocillarci dopo questa lunga ma bellissima passeggiata!



Alla prossima con la visita di Mdina, la città del silenzio.
Un abbraccio a tutti!






domenica 5 maggio 2013

Primo approccio a Malta - Cap. II

"Claudio, ho visto una serie di telefilms girati in un posto bellissimo, mi sono documentata ed ho scoperto che è Malta. Andiamo a vederla?"
Così è cominciata l'avventura!
Era più o meno gennaio 2012......vedevo quei paesaggi selvaggi, quel mare meraviglioso, quelle coste incredibili, quei paesini senza tempo.......e la guida a sinistra! Sapevo bene che non poteva essere l'Inghilterra, ma non immaginavo certo che si trattasse di quell'isoletta a sud della Sicilia che avevo sempre sentito nominare ma che non mi aveva mai nemmeno incuriosita.
Il tempo di leggere qualche notizia su Google, decidere quale poteva essere un buon periodo per farci un giro ed eravamo già pronti....biglietti aerei a prezzi assolutamente contenuti della Ryanair con partenza da Treviso l'11 aprile e ritorno il 16.
5 giorni, 5 giorni che, ancora non lo sapevo, avrebbero cambiato la mia vita..............
L'aeroporto di Luqa a Malta
Pensandoci ora mi viene da sorridere...Claudio aveva prenotato un hotel in una zona poco "nobile" dell'isola, a nord ovest, in un paesino di nome Mellieha. 
Mellieha e la baia di Ghadira
La scelta era stata dettata dal fatto che si trattava di un 4 stelle che proprio in quei giorni aveva una promozione piuttosto interessante.... ancora non sapevamo che proprio lì, a Mellieha, avremmo deciso di fermarci !!! Ad ogni modo, arrivando nel bellissimo aeroporto internazionale di Malta, tre cose mi colpirono subito, il caldo, il colore del cielo e la pulizia. C'era un autista che ci aspettava per portarci a destinazione, durante il tragitto vedevo questi paesaggi e queste cittadine scorrere lungo la strada, mi ricordava molto la Puglia ed al tempo stesso la Tunisia, forse per la mancanza di colori nelle costruzioni, i tetti a terrazza e la pietra che viene usata per costruire qualsiasi edificio. Ero un po' scettica tutto sommato....o più probabilmente non sapevo che cosa aspettarmi.
La nostra visita era cominciata alla Cattedrale ed al Santuario della Madonna di Mellieha che sorgono proprio nella piazza del paese......

La Cattedrale vista di lato
La Cattedrale di fronte

Il cortile del Santuario della Madonna
 Io ho un rapporto molto conflittuale con la religione, ancor di più con il clero, ma l'emozione che ho provato entrando nel cortile interno del Santuario è indescrivibile....una sorta di rispetto misto a soggezione, una stretta al cuore che non mi ha lasciato che dopo la nostra uscita da lì...difficile da raccontare.
Ci siamo poi mossi con i mezzi pubblici, gli autobus, numerosissimi che raggiungono qualsiasi angolo dell'isola. La prima tappa è stata Valletta, la capitale.
Entrando a Valletta
 Alla prossima puntata....