giovedì 9 maggio 2013

Malta, la mia nuova casa Cap. III - Valletta

Vi avevo lasciato alle porte di Valletta, la capitale di Malta.
La città fu fondata nel 1566 dal Gran Maestro dei Cavalieri Ospitalieri Jean de la Valette da cui prese il nome. 
Questo vi può già dare un'idea di quale patrimonio storico culturale si possa trovare visitandola!
Avete voglia di camminare con me lungo le strade di Valletta? Bene, partiamo allora.....
Eccoci qua, davanti alla fontana all'ingresso della città per la classica foto che fanno tutti i turisti che arrivano via terra nella capitale.

Entriamo. Viale della Repubblica, in ogni giorno dell'anno è affollato come potete vedere qui.
Zona pedonale con negozi di ogni tipo, bar, caffè all'aperto, Uffici Governativi e...chiese (tante chiese a Malta!!!)

Una chiesa che si deve assolutamente visitare è la Co-cattedrale di  San Giovanni.
venne costruita per volere dei Cavalieri Ospitalieri appena dopo il loro insediamento a Malta; realizzata da Girolamo Cassaro in pochi anni (1573-1577) grazie ai fondi resi disponibili, venne poi eletta a concattedrale assieme a quella di San Paolo a Medina. In seguito la cattedrale subì varie aggiunte: la sagrestia, l'oratorio e la loggia.
L'altare Maggiore
L'organo a canne
Il soffitto "a botte"
Non conosco l'autore, ma questa scultura ci ha colpito molto per il suo realismo (quel seno sembra vero e lo sguardo è quello di una mamma)
La Decollazione di san Giovanni Battista è un dipinto di Caravaggio realizzato in olio su tela (361 x 520 cm) nel 1608. Grazie a questa opera Caravaggio ottenne l'onore della Croce di Malta. Quest'opera è conservata nell'Oratorio della chiesa.
La vista di questo dipinto vale da sola la visita!
In netto contrasto con l'opulenza interna, la semplicità architettonica esterna, tipica di quasi tutte le chiese di Malta
Uno dei palazzi nella strada parallela a Viale della Repubblica.
Strada di Valletta con tipici "bovindi"
Come sopra
Il tribunale che è di fronte all'ingresso laterale della Concattedrale
L'ingresso del Palazzo Presidenziale.
Originariamente era il Palazzo del Gran Maestro
Interno del Palazzo Presidenziale (da visitare assolutamente!)
Upper Barakka Gardens.
Ora giardini pubblici, in origine alloggi per le truppe e posti di vedetta.
Lower Barakka Gardens.
Più o meno...come sopra.
Bella immagine di Valletta dal mare
La nostra visita volge al termine, vi lasciamo con la vista del Valletta waterfront, che ci ospita in uno dei suoi numerosi ristorantini per rifocillarci dopo questa lunga ma bellissima passeggiata!



Alla prossima con la visita di Mdina, la città del silenzio.
Un abbraccio a tutti!






8 commenti:

  1. Che belle foto,complimenti per la ricchezza del post, Tiziana.

    RispondiElimina
  2. Sempre più interessante. Se volevi svegliare un certo interesse per Malta ci stai riuscendo in pieno.
    Ciao

    RispondiElimina
  3. Che meraviglioso reportage...se ce la mostri tutta avremo fatto un bel viaggio con te che a breve vivrai là! Baci di cuore! Kiss. NI

    RispondiElimina
  4. Giankyyyyy

    sono esterefatta innanzitutto grazie per il virtual tour a malta,
    e poi...sono strafelicie dio vedertio sorridente con la tua dolce meta'...

    chissa prendere esempio da voi...come dei maestri...mah tutto puo essere

    baci
    giulia

    RispondiElimina
  5. si sente da come ne parli e si vede da come ce la mostri che questa isola ti ha stregata,bello vedere l'entusiasmo e bello tutto, adoro i bovindi, mi piacerebbe in casa mia, sarebbe il mio angolino preferito

    RispondiElimina
  6. bellissimo tour e voi state benissimo!!!!!! alla prossima puntata nella splendida Mdina....un abbraccio Lory

    RispondiElimina
  7. Wooooowwww! Che bello il viaggio virtuale mi appassiona!!! Alla prossima
    Un abbraccione grande

    RispondiElimina
  8. posto stupendo, bellissime foto grazie Giancarla un abbraccio

    RispondiElimina